20 lug 2013

10 cose da sapere prima di iniziare a leggere Malazan







IMPORTANTE: il seguente articolo è vecchio e contiene informazioni sbagliate. Una nuova versione aggiornata e corretta è presenta a QUESTO indirizzo.

_________________________________________


Siete alla ricerca di una nuova saga fantasy di alto livello.
Nei meandri del web avete scoperto che i principali autori fantasy sono, tra gli altri, Martin, Sanderson, Robin Hobb, Patrick Rothfuss e Tolkien. Questi signori riescono a catapultarvi nel mondo da loro creato e a farvi dimenticare per qualche ora le vicissitudini della vita reale. Adesso però avete un problema: avete letto tutti i “big” del fantasy e gli autori di medio livello non vi soddisfano. Vi siete abituati a standard di qualità elevati e giustamente non avete voglia di spendere soldi e tempo su prodotti che non riscontrano le vostre esigenze. Ulteriori ore passate a spulciare siti e forum vi hanno rivelato che esiste una saga fantasy chiamata “La Caduta di Malazan”, scritta da Steven Erikson e tradotta in italiano dalla casa editrice Armenia.
I commenti a questo ciclo semi-sconosciuto sono entusiastici. Alcuni dicono che sia l'unico in grado di tenere testa alle “Cronache del Ghiaccio e del Fuoco”, altri hanno elevato Erikson al ruolo di divinità protettrice della buona scrittura. Quelli che l'hanno letto si chiedono perchè Hollywood si ostini a presentare film epicamente mediocri quando la parola epicità è stata riscritta da Erikson e elevata a santità.
Imbaldanziti da tanti buoni commenti, vi fiondate su wikipedia per reperire informazioni sul primo libro della serie Malazan, “I Giardini della Luna”. Scoprite così che esiste una versione italiana in corso di traduzione. Le copertine non sono il massimo, ma avete visto di peggio. La trama è accattivamente e le recensioni su Amazon sono promettenti. I pochi che bocciano la serie non vi impediscono di sperare di aver trovato un nuovo mondo tutto da gustare e da esplorare. I libri sono in copertina rigida, quindi molto cari. Poco male, avete il fantasy nelle vene e vi siete abituati a come le case editrici italiane trattano il genere.
Ricontrollare il tutto, ci ripensate ancora una volta e alla fine cliccate sul tasto COMPRA, sperando di aver fatto un buon acquisto.

Se state leggendo questo articolo vuol dire che siete approdati sul sito italiano dedicato ai libri Malazan. Come tutti i fan-site, quale credete sia la risposta se chiedete: “Mi consigli la lettura del tuo autore preferito?”. Nessuno apre un sito/blog/forum su un autore se non gli piace enormemente. La risposta sarà ovvia.
Non in questo caso.
Voglio essere sincero con voi: ci sono fortissime probabilità che brucerete “I Giardini della Luna” prima di averlo terminato. Nella remota ipotesi che riuscirete a terminarlo, il seguito, “La Dimora Fantasma”, vi darà il colpo di grazia, nonostante ci sia una delle storyline migliori di sempre del genere fantasy. Solo una manciata arrivano al terzo libro della serie, e quelli abbastanza coraggiosi da arrivare al quinto volume cadono come mosche dopo averlo iniziato. 

La classica reazione di chi inizia "Maree di Mezzanotte"
 

Se siete sfiduciati da quello che ho scritto, potete tornare a leggere gli unicorni di Martin con la mia benedizione. I libri Malazan non sono tomi da leggere per passare il tempo. Sono libri da studiare, da odiare e da amare. Sono libri a cui dovrete dedicare ore allo scopo di decifrare la trama della storia, apprezzare i personaggi e leggere le l0.000 pagine che compongono le 10 storie del “Libro Malazan dei Caduti”.

  • Volete una lettura veloce e spensierata? Leggete altro.
  • Volete una lettura in cui l'autore spieghi ogni mistero del suo mondo? Leggete altro.
  • Volete una storia in cui l'adolescente di turno salvi il mondo? Leggete altro.
  • Volete una storia in cui buoni e cattivi siano distinti dal colore degli abiti che portano? Leggete altro.
  • Volete una storia che abbia la profondità del vostro pavimento e l'acume del vostro criceto quando vi fissa chiedendo il cibo? Leggete altro. E soprattutto badate al vostro criceto.
  • Volete leggere la migliore saga fantasy mai creata? L'avete trovata!

Dopo questo eccesso di fanboysmo inusuale da parte mia, passiamo alle cose serie. Di seguito vi elenco e spiego 10 delle principali caratteristiche dei libri Malazan di Steven Erikson. Vi consiglio di leggerle PRIMA di acquistare la serie e soprattutto PRIMA di iniziare a leggerla. Se sarete preparati potrete vincere la sfida, perchè di questo si tratta. Se sarete preparati potrete raggiungere quei pochi eletti che hanno letto e apprezzato Erikson.
Purtroppo nel nostro mondo l'originalità e la genialità non sono ben viste, specialmente fra gli artisti. Se uno scritto è originale, geniale e UNICO, verrà deriso e criticato da chi non lo capisce. L'invidia è un boccone amaro da digerire.



10 CARATTERISTICHE DELLA SAGA MALAZAN


 
Lo schema è incompleto. In realtà la cronologia è ancora più complessa

1) Complessità
Immaginate la saga fantasy più complessa che abbiate mai letto. Moltiplicate per 10 e avrete il coefficiente di difficoltà di Malazan.
Più di 300 personaggi, 6 continenti, 3 storyline principali che si svolgono su altrettanti continenti, decine di storie, una decine di razze non umane, decine di etnie umane, svariati tipi di magia e una storia che si dipana per più di 300.000 anni, anche se si focalizza in 2/5 anni e, non dimentichiamocelo, per leggere l'intera saga vi dovrete gustare più di 10.000 pagine di lettura.
Se questi numeri vi spaventano leggete altro. Se vi attirano siete ad un buon livello di illuminazione per apprezzare la saga Malazan.



Un lettore pensieroso dopo aver letto un libro Malazan


2) Filosofia e profondità
Il fantasy in Italia è riconosciuto essere un genere per bambini. C'è ancora la vecchia concezione del fantasy in cui l'eroe adolescente parte per sconfiggere il cattivo (rigorosamente vestito di nero), salva il mondo e sposa la principessa. La colpa non è solo da imputare ai lettori disinformati, ma anche alle case editrici che di certo non valorizzano il nostro genere preferito, basti vedere gli scempi che fanno con le traduzioni. Una cosa su cui però i detrattori hanno ragione, è che il fantasy non sia un genere profondo. La maggior parte delle tematiche sono le stesse dei film Disney che guardavo 10 anni fa e anche le nuove proposte, molto più cupe, non si può dire che per prima cosa abbiano lo scopo di diffondere un messaggio.
Tutto questo è cambiato con l'arrivo della serie Malazan. Steven Erikson, anche se è riluttante ad ammetterlo, è un filosofo. Si pone domande esistenziali e cerca di arrivare a delle risposte. Alcune riescono incredibilmente bene, ad esempio i dubbi sul sistema capitalistico, altre meno, ma la cosa fenomenale è che questi discorsi sono integrati perfettamente con le vicende in corso nel libro.
Lasciatemelo dire: non sono un fan della filosofia. Steven Erikson è riuscito nell'impresa di farmela piacere e soprattutto di farmi porre quelle stesse domande a cui i personaggi Malazan cercano di dare delle risposte, molte volte invano, perchè per molte questioni non esistono risposte chiare e oggettive. Alcune volte Erikson esagera con la filosofia a discapito delle vicende dei libri, ma nel complesso sono completamente soddisfatto di aver partecipato a questo “dialogo” con l'autore. Tengo a precisare che Erikson non è quel tipo di autore che cerca di inculcarti a forza le sue convinzioni. Lui fa le domande e i personaggi cercano le risposte. Alcune volte queste risposte sono in completa contraddizione, altre volte si completano a vicenda.
Se dovessi scegliere la caratteristica principale della saga Malazan, quella che la rende differente da tutte le altre del genere, sarebbe senza dubbio questa: la massiccia presenza di filosofia e profondità.


Uno stato emotivo comune per i lettori Malazan

3) Tragedie
Ve lo dico fin da subito: se volete che l'ammmore prevalga sempre leggetevi i paranormal romance. In Malazan i finali positivi sono rari e molte volte, se riuscirete a farvi catturare dalla storia, vi ritroverete con le lacrime agli occhi. Queste 10 storie raccolte nel “Libro Malazan dei Caduti” sono classificabili come tragedie. Molti personaggi principali moriranno, preparatevi al peggio.



Un lettore medita sui libri Malazan

4) Retrospettiva e riletture
Alla prima lettura è matematicamente impossibile riuscire a cogliere tutti i plot twist, i dettagli e la bellezza della scrittura di Erikson. Tante volte, senza l'aiuto di altri lettori, non ci riuscirete nemmeno con 2 o 3 riletture dell'intero ciclo. Per questo ho aperto il forum, così riusciremo a darci una mano a vicenda.
Per apprezzare al meglio i libri Malazan dovrete valutarli in retrospettiva. Ad esempio una volta letto il terzo libro dovrete ripensare al primo e aggiornare le vostre valutazioni. Una volta letto il quarto dovrete rivalutare il secondo e così via.
Quelli di Erikson non sono libri creati per essere capiti alla prima lettura. Se volete entrare veramente nel mondo Malazan dovrete rileggere i romanzi. Se non lo farete vi perderete un sacco di roba.


La conseguenza di dare un senso alla timeline


5) La Timeline non è importante!
Nel corso della lettura del ciclo troverete dei riferimenti alle date interne del mondo Malazan, espresse prendendo come riferimento il Sonno di Burn (una divinità).
DIMENTICATELE!
Sia Erikson che Esslemont, i due autori del ciclo, hanno fatto una confusione immane con le date. Alcuni eventi hanno una data palesemente sbagliata, altri non posso essere avvenuti ad una distanza di tempo come indicata nel testo.
Dimenticate tutte le date.
Quello che importa è ciò che è avvenuto prima, quello che sta avvenendo adesso e quello che accadrà in futuro. Il QUANDO questi fatti avvengano è irrilevante. Non fatevi distrarre da piccolezze del genere e ve lo dice uno che di solito è un maniaco della timeline. In Malazan è di secondaria importanza, punto. 

 

Itkovian all'attacco!
 

6) Epic-military fantasy
Molti approdano su Malazan dopo aver letto ASOIAF di George R.R. Martin, trovandosi in astinenza di saghe fantasy dalla qualità incredibile. In effetti la mia valutazione è che il trio Erikson, Martin e Tolkien rappresenti il pinnacolo del fantasy moderno. Siate però consapevoli che tra ASOIAF e Malazan le differenze sono notevoli. Innanzitutto in Malazan esistono molte razze non-umane intelligenti, mentre una delle caratteristiche di ASOIAF è la presenza dei soli umani nel mondo. Ok non è proprio vero, ma gli umani rappresentano la base dell'opera e così sempre sarà. In Malazan abbiamo diversi punti di vista delle razze non-umane. Tra le altre voglio ricordare: i T'lan Imass, i Tiste, i Forkrul Assail, i K'Chain Che'Malle e i Jaghut. Tutte hanno caratteristiche uniche che le allontanano da qualsiasi cosa mai creata nel fantasy. Alcune prendono ispirazione da altri autori, ma sono state comunque modificare per renderle originali. Già dopo qualche pagina l'impressione che i Tiste siano gli elfi della situazione morirà.
Altra caratteristica dominante nella saga è la forte presenza di magia e soprannaturale. In Malazan le divinità sono reali, non parti della mente umana. Alcune volte si mischiano, con effetti devastanti, nelle faccende dei mortali. La magia è largamente presente nel mondo e il principale sistema magico è quello dei Canali/Warren. In alcune parti dello scritto la magia avrà un ruolo fondamentale nelle vicende, ma il testo si manterrà sempre ad un alto livello di realisticità, grazie alla capacità di Erikson come scrittore.
Infine non posso non citare la componente Military Fantasy derivata da Glen Cook. In Malazan i soldati rivestono un ruolo fondamentale nelle vicende e in cambio ricevono una caratterizzazione unica da parte di Erikson. Dopo aver letto i libri Malazan saprete quali sono i gruppi militari migliori di sempre nel genere fantasy.


Il primo volume dei libri Malazan

7) Il primo libro è il peggiore
Di solito il primo libro di un autore è, per svariati motivi, il migliore che scriverà nel corso della sua intera vita. Nel genere fantasy ci sono alcune eccezioni, ma in generale questa regola resta ancora vera al giorno d'oggi.
Steven Erikson, come al solito, non si poteva affiancare alla massa. Il suo primo libro “I Giardini della Luna” è il peggiore della serie. Anche applicando il metodo della retrospettiva e delle riletture (come ho scritto sopra) non arriverà al livello di qualità straordinario dei suoi sequel. Se escludiamo il primo romanzo, tutti gli altri mantengono una qualità costante per tutta la serie. Alcuni possono piacere meno per via di personaggi meno amati, ma il livello resta altissimo fino al decimo libro. Non fatevi scoraggiare da un primo libro che inizia sbattendovi in mezzo al mondo Malazan senza spiegarvi nulla e finisce in modo ancora più nebuloso. Ricordatevi che la lettura di questi libri è una sfida, siete pronti a vincerla?



La mappa completa del mondo Malazan


8) Il Mondo
Il mondo Malazan, chiamato ufficiosamente “Wu” dai fan per un gioco tra i due autori, è un elemento importante tanto quanto trama, personaggi, misteri e scrittura. E' senza dubbio il più grande world-building della storia del fantasy, ma si sa che quantità spesso non fa rima con qualità. Dopo aver letto quasi tutti i libri Malazan, posso dire che solo l'Arda di Tolkien con la sua Terra di Mezzo è migliore di Wu. Le caratteristiche che ho scritto in questo elenco sarebbero da dimenticare se il contesto della storia non si svolgesse in un mondo così reale, vivo e variegato. Wu è per me una delle più grandi conquiste del genere umano, uno spazio immaginario in cui trasportare e incatenare l'incauto lettore. E' il motore dell'intera vicenda e riserverà notevoli sorprese. Vi invito ad esplorarlo e a darmi le vostre impressioni. Non esiste nessun altro mondo così grande, dettagliato e intrigante nel genere fantasy. Siete pronti ad entrarci? Attenzione, causa dipendenza!




9) Misteri irrisolti
La tendenza attuale del fantasy è di spiegare per filo e per segno tutti i misteri che incontrerete nel corso della lettura della saga. Questi misteri manterranno il lettore incollato alle pagine del libro che, in cambio, si aspetterà una spiegazione adeguata alle cose che gli hanno fatto spendere soldi e ore in compagnia di quel determinato autore.
In Malazan dovrete preparavi: i misteri irrisolti, anche dopo 10 libri, restano di più di quelli che l'autore ci spiega. Erikson e Esslemont ci forniscono tutti i dettagli per tirare le somme e farci una teoria personale su un mistero, ma non riveleranno la verità. Se questo ha fatto felici migliaia di persone sui siti di tutto il mondo per discutere delle più disparate teorie, sarà uno schiaffo in faccia a chi si aspettava chiarezza nelle spiegazioni. Non aspettatevi una risposta su tutto. Costruite le vostre teorie e discutetele con gli altri fan, rileggete i libri e modificatele, ma non fatevi illusioni per cose che, ancora una volta, sono di secondaria importanza rispetto alla magnificenza dell'opera. Se non capite qualcosa vuol dire che non dovete ancora capirlo. Oppure non dovrete capirlo mai.


Erikson vi farà sognare posti così


10) Spazio alla fantasia!
Pensate alle scene d'azione dei vostri libri preferiti. Scommetto che in molti le azioni vengono descritte passo per passo. Ad esempio: “Tizio impugna l'ascia, la alza, la cala in un fendente sull'avversario, arretra, para, schiva, colpisce, uccide”.
Una cosa del genere. Fedele alla natura misteriosa dei libri Malazan, Erikson è un autore molto più vago. Vi darà il senso del combattimento, ma non vi dirà, generalmente, come si svolgerà di preciso. Dovrete lasciare briglia sciolta alla vostra fantasia per colmare le lacune che non ci vengono descritte.
Questo modo di pensare va esteso a tutte le componenti dei romanzi Malazan, non solo alle scene d'azione. Ho detto sopra cosa bisogna aspettarsi dai misteri, ma anche per la crescita dei personaggi dovrete colmare voi le lacune. In parole povere DOVRETE USARE IL CERVELLO NELLA LETTURA. I libri Malazan non sono letture da intraprendere a mente occupata o quando, seduti in spiaggia, osservate le bellezze che vi circondano. Con la vostra fantasia completerete i dettagli che Erikson non si è degnato di mostrarci. All'inizio questo modo di pensare è faticoso e meccanico, perchè di solito gli scrittori amano imboccare il lettore come fosse un neonato. Erikson per contro si fida del lettore, sa che è una persona intelligente e non ha bisogno del più misero dei dettagli per farsi una propria idea di quello che sta succedendo. Arrivati ad un certo punto della serie, questo modo di pensare diventerà automatico e vi chiederete perchè non l'abbiate mai trovato in altri libri. La risposta è semplice: perchè bisogna essere dei Maestri della Scrittura per poterlo usare con successo. Steven Erikson ci è riuscito. La domanda è: sarete dei degni lettori e accenderete il cervello e l'immaginazione durante la lettura? Spero di si, perchè in caso contrario vi consiglio di leggere altro. 


 

29 commenti:

  1. Ottimo articolo.. A tratti un po' iperbolico (ma approvo un po' di fanboyismo XD) ma nel complesso mi è piaciuto e penso possa dare una buona idea generale della serie a un aspirante lettore.

    RispondiElimina
  2. concordo, ottimo articolo. Quando racconto a qualche amico o conoscente la saga Malazan, faccio fatica a spiegare che la bellezza della saga è almeno pari alla sua complessità. E spesso mi ritrovo a sconsigliarne la lettura, se qualcuno cerca un fantasy "alla Tolkien". Questo articolo spiega bene il perché.
    Detto questo, trovo la saga Malazan superiore a Martin e, per certi aspetti, la miglior saga fantasy mai scritta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un lettore che si firma Druss The Legend ha come minimo il mio apprezzamento iniziale. Grande Gemmell! Per quanto riguarda Erickson mi sono fermato al settimo libro, poi mi sono reso conto non certo fulmineamente che un lavoro che mi dava più gioia e anche un guadagno l'avevo già. Apprezzo molto di più di Esslemont di Erickson, che comunque ho consigliato a molti amici quando ancora la pensavo esattamente come il proprietario del blog. Un saluto a tutti e buona lettura.

      Elimina
  3. Ciao Druss, mi fa piacere che l'articolo ti sia piaciuto. L'ho scritto soprattutto per le innumerevoli persone che iniziano a leggere Malazan e poi lo abbandonano, sapendo bene come la pensano perchè in passato mi era capitata la stessa cosa. Con questo rapido articoli spero di aver delineato le principale caratteristiche della serie senza dilungarmi troppo e diventare noioso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,il tuo articolo mi ha incuriosito non poco, volevo chiederti cosa ne pensavi della saga di The Witcher(se l'hai letta chiaramente). È una delle mie preferite poiché la reputo matura e si distacca dai soliti canoni del fantasy triti e ritriti in quanto il protagonista è un mercenario che non vorrebbe essere invischiato in tutte le questioni che non lo riguardano direttamente.

      Elimina
    2. Ho letto solo le due raccolte di racconti e il primo romanzo di The Witcher. La mia opinione è che sia una buona saga, ma che non si avvicini ai migliori del genere fantasy.

      Elimina
    3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
  4. Il problema principale è... Riusciranno i nostri eroi di Armenia a pubblicare tutta la saga in italiano?
    Leggerlo in inglese è davvero difficile, io avevo comprato Gardens Of The Moon in UK nel 2001 ma devo ammettere di non aver capito NULLA leggendolo. E non è che la prima lettura in italiano sia andata molto meglio... :-)
    Speriamo riescano a completare la saga, non vedo l'ora di leggerla tutta di fila! (Ho letto fino a "Memorie di ghiaccio" nell'estate 2006, poi mi sono fermato per mancanza di libri!)

    RispondiElimina
  5. Erikson è difficile da leggere in inglese come scrittura, figuriamoci aggiungendoci la massa di personaggi, luoghi, eventi e informazioni che contiene ogni suo libro.
    Per il momento l'Armenia tace e il futuro si prospetta tetro per la serie, ma la speranza DEVE essere l'ultima a morire...

    RispondiElimina
  6. Sì, più che altro ci si perde davvero tanto secondo me. La storia magari (sottolineo MAGARI) la segui anche ma ti perdi completamente la sua scrittura epica. E' una specie di D'Annunzio del fantasy, leggendo in inglese davvero ci si perde molta atmosfera.
    Comunque mancano solo due libri (anche se per le brutte abitudini degli editori italiani diventeranno almeno 4 quindi almeno 4 anni di tempo...), alla peggio si può completare la serie in inglese... O almeno provarci! :-)
    Ho letto anche altri fantasy in inglese (comunque a fine anni '90-inizio '00 erano davvero molti meno di oggi i fantasy tradotti) e nessuno ha mai dato problemi, Erikson anche come scrittura è davvero su un altro pianeta anche rispetto a stimatissimi scrittori come Gemmel o Eddings!
    Il sito di Armenia parla di ristrutturazione aziendale... Speriamo ristrutturino in fretta!
    Se poi dobbiamo aspettare che qualcun altro (magari Fanucci) compri i diritti e traduca... Diventiamo vecchi! Oltre ad avere rovinato l'effetto scenico della libreria! :-)

    RispondiElimina
  7. Incrociamo le dita per un rapido sviluppo della situazione. Concordo con te quando dici che Erikson è uno scrittore molto diverso dalla massa e per questo motivo può piacere o meno. Ironicamente (ma anche no) il picco nella scrittura lo raggiunge proprio con l'ottavo libro che i lettori italiani non possono apprezzare. Certo, il decimo romanzo è un condensato di epica ad ogni pagina, ma non ha i vari significati profondi di TTH.

    RispondiElimina
  8. Articolo fantastico ( in tutti i sensi) :) . Leggersi tutti i libri di Steven e socio (Ian) + varie novelle collegate è da matti..

    Il Matto :)

    RispondiElimina
  9. Domanda: come sono le traduzioni in italiano ?
    Io li sto leggendo in inglese, la scrittura è elegantissima ... e difficile da tradurre bene. Non ho mai letto nulla a questi livelli, neanche - lo dico !! - Herbert !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' scritto divinamente in inglese, purtroppo la traduzione (difficilissima) non può che allontanare la maggior parte dei lettori. Ci vorrebbe uno scrittore di pari livello che si imbarcasse nella titanica impresa. Per chi può, la legga in lingua originale.

      Elimina
  10. Se devo essere sincero la traduzione è stata realizzata in modo rapido e poco curato. Oltre ad esserci degli errori veri e propri (nemmeno pochi), mancano addirittura parti di testo, specialmente nelle poesie di inizio capitolo.

    RispondiElimina
  11. Ok ok ok... sono agli sgoccioli con Martin e in attesa che riesca a terminare la saga.
    cosa leggo nel mentre? trovo questo fantastico blog.. leggo le 10 cose da sapere prima di iniziare la saga Malaza, ci sono, è la saga che fa per me.. sono un fremito, entusiasta scorro i post e... MI BLOCCO!!!
    Io nn sono in grado di leggere una saga del genere in inglese e neanche ci voglio provare perchè so di nn essere all'altezza..
    Come posso fare? lascio perdere? cerco un qlc altro? aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa
    non voglio rimanere con la voglia di leggere questa saga!!!!
    Ma nn voglio neanche rimanere senza la fine... che mi consigliate?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un'alternativa, che è un'esperienza diversa comunque, è ascoltarli in audiolibro, se la l'ascolto risulta più digeribile della lettura diretta. Audible ha lettori capaci e coinvolgenti.

      Elimina
  12. Ciao Anonimo, io ti consiglio di ordinare almeno il primo libro della serie. Il libro è conclusivo, come tutti quelli di Erikson (tranne uno), quindi non c'è un cliffhanger a fine testo. Inizierai così a farti un'idea del mondo Malazan e vedere se può fare per te o meno. Puoi arrivare fino al settimo libro in italiano, mentre l'ottavo non è concluso e quindi te lo sconsiglio. Da lì puoi continuare in inglese, aspettare che qualcuno rilevi i diritti dall'Armenia e continui la serie, oppure leggere i riassunti su questo blog per farti un'idea di cosa succderà dopo.

    RispondiElimina
  13. Ciao sono Davide alias Whirrun,
    mi avete incuriosito parto col primo!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao, bell'articolo. Sono un tipo che ha sempre amato le sfide, più sono difficili più mi attirano, anche se poi magari mi fanno soffrire per raggiungere l'obiettivo. Premetto che non sono mai stato un grande lettore, vado abbastanza "piano" nel leggere e mi perdo anche in altre attività giornaliere, perdendo così parecchio tempo da dedicare alla lettura. Tuttavia, sto cercando di terminare la "Torre Nera" di Stephen King, sono ormai arrivato al sesto libro. A proposito, che ne pensi della Torre Nera? La conosci? L'hai mai letta? Comunque, come dicevo mi piacciono le sfide e quando mi sono imbattuto in questa saga di Malazan che viene descritta come supercomplessa e superepica, si è svegliato in me subito lo stimolo a comprare tutti i libri e buttarmi in questa sfida...però, ecco, dato che ho ancora da finire la Torre Nera e avevo già programmato di leggere il Signore degli Anelli e considerando la mia velocità nel leggere i libri...ho paura che finisca la saga di Malazan più o meno quando andrò in pensione :-D !!! Va bé, via, chiudo questo commento segnalando che si trovano on-line delle nuove edizioni dei libri di Malazan con rilegatura in brossura e nuove immagini di copertina (a mio parere più accattivanti all'occhio). Sono tentato di comprare i libri, ma forse aspetterò ancora un po'!!!
    Saluti

    RispondiElimina
  15. Ehilà! Commento solo ora anche se in effetti l'articolo e la saga le ho iniziate qualche anno fa. In una run da panico (la terza in realtà) sono riuscito ad arrivare fino al principio dei cacciatori di ossa, ma mi sono arenato.
    Ora, come sempre, riprovo a superare questa sfida, perché se devo essere sincero, non mi è mai capitato fra le mani qualcosa anche solo di vagamente paragonabile a Erikson come sfida intellettuale. Volevo chiedere se qualcuno ne sapeva qualcosa: hanno revisionato i testi nelle nuove edizioni? Nonostante abbia comprato tutta la saga nella versione precedente (fermandomi alla prima parte dell'ottavo), sto meditando di ricomprarmela, cosa che diventerà certezza se l'hanno revisionata come Dio comanda. Attendo info ;)

    Tra l'altro vi confesso, che è l'unica saga letteraria per cui vorrei seriamente pagare un rilegatore per farmi mettere delle copertine di pelle invecchiata, magari con intarsi dorati. E questo credo la dica lunga su quanto apprezzo Erikson xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Virgo Jones, lessi tempo fa questo articolo (http://www.fantasymagazine.it/23236/armenia-conferma-la-saga-malazan-verra-ristampata-e-completata). Qui dicono che anche la traduzione sarebbe stata revisionata.

      Elimina
    2. nooo... i Cacciatori di Ossa è stupendo!! secondo me uno dei vertici della serie assieme a Memorie di Ghiaccio e Maree di Mezzanotte...
      riprendilo, non te ne pentirai!

      Elimina
  16. Tutto ciò sembra solo scritto da un fanatico. Nessuna critica, anzi quel che potrebbe esser negativo viene solo rigirato in positivo; immaginette ironiche verso il lettore che non comprende; MAIUSCOLI e grassetti che purtroppo al giorno d'oggi usano tutti (quelli che non sanno lasciare parlare solamente il testo). Che dire? un libro assolutamente perfetto e geniale, ma soprattutto chi lo considera tale.
    Lo cercherò, ma non a causa del tuo fanatismo. Se fossi un islamico avresti già fatto saltaer in aria qualcosa.

    RispondiElimina
  17. ho letto l'articolo e ho letto il primo volume della caduta di malazan i giardini della luna, poi ho provato a leggere il secondo volume e sono arrivato fino ad un certo punto, poi mi sono arreso, non perché non mi piacesse anzi, però come hai scritto è tosto da leggere. Ha creato un mondo unico e la storia è avvincente, mi riprometto di riprovarci anche perché ho comprato pure il terzo volume. Riguarda al tuo fanatismo per erikson e la sua saga sono d'accordo, però ti posso assicurare da lettore di tanti generi soprattutto gialli, ma anche fantasy.Io per ora sto aspettando il terzo volume di brandon Sanderson della saga delle cronache della folgoluce. Ti posso dire che anche Sanderson da a grandissimi livelli per la creazione di un mondo tutto suo non con i soliti cliché. Ti consiglio di leggerlo.

    RispondiElimina
  18. Io leggerò questa saga di sicuro. Il paragone con Martin forse è un demerito per quanto mi riguarda, ma tant'è. E' la moda del momento, purtroppo. Mi dispiace dal profondo del cuore che tu non abbia nominato Robert Jordan tra gli autori più grandi che il fantasy abbia mai conosciuto. Il quale ha tutti (e forse più) degli elementi che in questo articolo consideri "rivoluzionari". Detto questo, buona lettura a tutti e se vi va, date un'occhiata a "La ruota del Tempo" di Robert Jordan.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io arrivo a leggere questo articolo dopo aver divorato La Ruota del tempo, che ho amato tantissimo, ma che devo ammettere ha avuto davvero un andamento conservazionista, una delle cose che mi dava conforto era proprio sapere che i protagonisti in un modo o nell'altra ce l'avrebbero fatta, nonostante fosse impossibile, in qualche modo il nostro eroe ci salta sempre fuori. mica come Martin che li fa fuori appena ti ci affezioni. Ammetto di cercare però una lettura più leggera, da fare mentre preparo la cena o mentre i bimbi giocano sul tappeto. quindi credo che rimanderò, grazie per avermi salvato da una delusione. Si accettano consigli per leggere qualcosa di interessante nel mio post-Jordan

      Elimina
  19. beh... anonimo... te lo devo dire... ci sono ben pochi autori paragonabili ad erikson, ho fatto l'errore di leggere Jordan, in un momento di crisi d'astinenza da Erikson dopo DUE ANNI passati a leggere solo il Libro Malazan dei Caduti, ho lasciato perdere dopo cento pagine del primo volume del "la ruota del Tempo", mi sembrava di leggere un libro di favole per le elementari, è questa la fregatura di Erikson, se arrivi al terzo libro (Memorie di Ghiaccio, una delle cose più epiche mai scritte dopo Omero), difficilmente troverai soddisfazione in qualche altro autore... Vi voglio però consigliare Le Cronache di Thomas Covenant l'icredulo di Stephen R. Donaldson, mentore ed amico di Erikson... nessuno se le fila ma sono bellissime...

    RispondiElimina