23 feb 2014

I Riassunti de "I Giardini della Luna" - CAPITOLO 17


Benvenuti nei riassunti dei libri Malazan!
In questa serie di articoli cercherò di sintetizzare i capitoli dei romanzi, fornendo un resoconto dettagliato di tutte le informazioni che un nuovo lettore dovrebbe ricordarsi, così da riuscire ad apprezzare al meglio i libri successivi.
Sono vietati, nei commenti, gli spoiler sui capitoli e sui libri consecutivi rispetto al riassunto che commentate. Se volete parlare liberamente potete passare sul forum, in cui potrete discutere di tutti i libri della serie Malazan, compresi quelli non ancora tradotti.

Il seguente riassunto è dedicato al CAPITOLO 17 de I GIARDINI DELLA LUNA e contiene SPOILER su tutti i libri e capitoli precedenti.




Il dramma dei Tiste Andii

Rallick Nom ritorna alla Locanda della Fenice e Meese la barista gli dice che c'è un ex soldato che sta chiedendo di lui.
All'interno lo aspetta una spia dell'Anguilla che gli offre informazioni e il suo aiuto. Turban Orr ha assoldato delle persone per proteggerlo e cacciare i suoi nemici (la spia ad esempio). L'Anguilla vuole vedere Coll di nuovo nel Consiglio e offre il suo aiuto a Rallick.
La notizia shock è però un altra: Turban Orr ha offerto un contratto ai sicari a nome di Lady Simtal per assassinare Coll. Il contratto è stato accettato da Ocelot, il capoclan di Rallick.
Rallick lascia un messaggio di avvertimento per Murillio ed esce dalla Locanda.

Baruk è nel suo studio insieme ad Anomander Rake.
Baruk è contrariato perché Rake ha lasciato entrare nel Tumulo l'Aggiunto Lorn e il T'lan Imass. I due hanno un battibecco e Baruk teme che Rake voglia tradirlo. Il Cavaliere lo rassicura, dicendogli che se avesse voluto la città distrutta non sarebbe stato un problema con i suoi poteri. Anomander vuole mantenere darujhistan com'è adesso per sconfiggere Laseen al suo gioco.
Anomander è preoccupato per la sua gente, perché stanno lentamente morendo nell'indifferenza. Nemmeno la lotta contro i Malazan ha risvegliato in loro la passione per la vita.
Consiglio di tenere a mente la seguente frase, perché ritornerà con forza nell'ultimo libro della serie:

...[I Tiste Andii] muiono nel fango e nelle foreste in una terra che non appartiene loro, in una guerra che non è la loro, per un popolo che è terrorizzato da loro.

Per quanto mi riguarda questo è il preludio alla più grande scena dell'intera serie. E se avete letto i libri Malazan saprete la qualità delle scene più epiche. Ricordate questa frase quando leggerete “The Crippled God”.

Comunque vadano le cose Anomander perderà, perché combattere contro il Tiranno Jaghut richiederà tutte le loro forze. Perciò la Cabala di Baruk dovrà intervenire per aiutarli. E' per questo motivo che Vorcan e i sicari vanno fermati dall'uccidere i maghi di Darujhistan.
Baruk conduce Anomander da Mammot. Lo zio di Crokus sta dormendo perché ha cercato di entrare in spirito nella tomba del Jaghut ed è stato intrappolato dai poteri dei Canali nel tumulo. Adesso la situazione si fa seria, perché tramite Mammot il Tiranno Jaghut potrebbe raggiungere la dea D'rek e sottometterla al suo volere.

Il Violatore del Cerchio, dopo aver consegnato il messaggio dell'Anguilla a Rallick, cammina per le strade pensando che la sua vita sarebbe durata ancora per poco, ma nonostante tutto avrebbe seguito gli ordini del suo padrone.

Meese si avventura per le strade con un obbiettivo in mente.

Apsalar/Dispiacere e Crokus sono nello studio di Mammot. Lo zio non è entrato in casa da almeno 3 giorni. Apsalar ha dato da mangiare alla scimmietta volante di nome Moby.
Meese arriva da loro e avverte Crokus che i D'Arle sanno che ha ammazzato la guardia durante l'irruzione nella tenuta per riportare la refurtiva a Challice. In realtà è stata Apasalar a uccidere il soldato, ma Crokus non può lasciare che la ragazza venga presa.
Meese invita i ragazzi a nascondersi e Crokus si sente tradito da Challice perché ha fatto la spia su di lui.

Serrat il Tiste Andii progetta di uccidere Crokus, Dispiacere e Meese, avendo seguito il terzetto. Giunta la notte avrebbe attaccato.

Murillio e Kruppe arrivano alla Locanda della Fenice per ristorarsi dopo il viaggio fuori città. Kruppe è impaziente di bere e mangiare per recuperare i grammi perduti, mentre Murillio si alza e lascia la Locanda. Qui viene avvicinato dal Violatore del Cerchio che gli porta un messaggio da parte dell'Anguilla.

Rallick Nom cerca Ocelot sui tetti della città. Il suo capoclan sta aspettando Coll per ucciderlo. Il problema è che Ocelot dispone della magia, mentre Rallick no. Rallick si ricorda di un sacchetto con della polvere che gli aveva donato Baruk, in grado di attutire i rumori di chi se la spalma sul corpo (oltre a qualche altro effetto imprevedibile).
Rallick, dopo aver consumato la polvere contro il suo corpo, inizia la caccia a Ocelot.



Nessun commento:

Posta un commento