23 ago 2015

Blog, Armenia e situazione inglese

Dopo più di sei mesi di latitanza ritorno ad aggiornare il blog, viste le novità incredibili che stanno per arrivare. 



Come ormai tutti sapranno l'Armenia, casa editrice italiana di Malazan, è risolta dalle ceneri del fallimento e si è impegnata nuovamente nella saga creata da Erikson. Verso novembre, dopo il Lucca Comics, usciranno i primi 8 libri della serie principale di Erikson con nuove copertine, traduzioni corrette (non si sa in quale entità), libri singoli non divisi e ciliegina sulla torta un titolo corretto per la saga, che sarà d'ora in poi conosciuta come "Il Libro Malazan dei Caduti". Hurrà!


 



Nel link postato sopra trovate la pagina del sito Armenia con copertine e prezzi dei volumi di prossima uscita. I prezzi da 14€ a 19€ sono alti per volumi con copertina morbida, ma non esorbitanti se consideriamo la poca diffusione della saga. La parte migliore è il fatto che usciranno tutti insieme nelle librerie e per la prima volta sarà disponibile l'ottavo libro, "I Segugi dell'Ombra" per intero. Anche qui non è roba da poco perchè secondo me questo libro ha il miglior finale di sempre nel genere fantasy. E' stato un delitto troncarlo a metà nella precedente edizione. 



Per il prossimo anno si vocifera dell'uscita delle versioni ebook (con solo una decade di ritardo) e della traduzione e pubblicazione di entrambi i romanzi mancanti alla serie, quindi "Dust of Dreams" e "The Crippled God". Inutile dire che valgono gli eventuali 20€ di prezzo per ognuno. In più, se le vendite andranno bene (e ANDRANNO bene perchè TU che stai leggendo questo articolo obbligherai i tuoi conoscenti a comprare tutto il ciclo, pena una visita di Shadowthrone quando sei in bagno), dicevo, se le vendite andranno bene si è parlato della traduzione di Esslemont, co-autore del mondo Malazan e di mediocri romanzi che valgono comunque una lettura ai fan del mondo di Wu. 



In questi mesi ho sentito il peso delle vostre maledizioni per non aver aggiornato il blog e il senso di colpa per aver abbandonato un progetto che, nel suo piccolo, ha contribuito alla creazione di una community Malazan italiana intelligente, esigente e un poco snob. Sono fiero di tutti voi, siete dei grandi!
Proprio questa rinnovata coesione tra i fan ha senza dubbio contribuito alla nuova pubblicazione in italiano da parte di Armenia. Sapevo di aver fatto cosa buona e giusta ad aprire il blog in un momento di crisi per la saga, in cui non si vedeva uno spiraglio di ripresa nemmeno da lontano, ma adesso posso quantificare quanto questo mio progetto abbia contribuito al tutto:

SIAMO A 95.000 PAGINE VISUALIZZATE DA QUANDO IL BLOG HA APERTO!


Ci sono rimasto male quando ho visto quel numero. Considerando la natura di nicchia della saga, il numero esiguo di articoli postati sul blog (la maggior parte riguarda il riassunto del primo romanzo) e il mio disenteresse negli ultimi 6 mesi, quel numero è qualcosa di incredibile. Ciò che mi ha spinto a ritornare è il fatto che negli ultimi tempi, dopo l'annuncio della Resurrezione di Armenia, sono state visitate quasi 2000 pagine al mese. Cioè, nessun nuovo articolo e 2k di pagine visitate. Mi vergogno ad essere sparito così e sappiate che voglio bene a tutti voi, veterani e novizi di Malazan allo stesso modo. Nei prossimi mesi saranno sempre di più le persone che inizieranno Malaz per la prima volta, molti aspettavano la conclusione della saga per iniziarla e ci sarà ancora una volta bisogno di una community di riferimento in cui radunare gli aspiranti zappatori.



Un ringraziamento pubblico va a Heimdall76 per aver preso le redini del forum e continuato a migliorarlo senza ricevere nulla in cambio, se non l'affetto incondizionato degli utenti. Andate sul FORUM e guardate come è cambiato negli ultimi mesi, a partire dalla magnifica grafica, per arrivare all'ormai numerosa community che si è creata. L'atmosfera che si respira è rilassata ed è ammirevole l'impegno di tutti per aiutare i novizi nelle risposte che inevitabilmente crea la lettura della saga di Erikson. Un'enorme grazie a tutti! Adesso che sono ormai passati 2 anni dall'inizio del progetto blog+forum posso dire che è stato un successo e rifarei tutto nonostante il notevole impegno profuso. Pensate che per postare ogni riassunto dei capitoli del primo romanzo mi sono servite circa due ore. Moltiplicate per il numero di capitoli e avrete qualcosa fuori dal comune, un impegno che ogni fan di Malazan ha messo per portare la saga fuori dall'anonimato. Con il solo passaparola sono state viste quasi 100mila pagine su questo blog, abbiamo un centinaio di utenti sul forum e sul gruppo Facebook e sempre più persone si accorgono dell'esistenza di questa saga e aspettano il suo completamento per iniziarla. Un risultato notevole dal punto in cui siamo partiti solo 2 anni fa. 
Che Hood sia con voi!



Concludo con la cover del prossimo libro di Erikson che uscirà in inglese nel 2016. Volete un motivo per leggere la nuova trilogia? 
I Jaghut in guerra
Fuck yeah!

Ah già, il prossimo progetto di ICE (trilogia) riguarderà la Vecchia Guardia, la nascita dell'Impero Malazan e in particolare la coppia Dancer e Kellanved. In pratica la possibile figata definitiva se ICE non combina casini.

Ci aspettano dei mesi favolosi.



2 commenti:

  1. Ciao! Bell'articolo e grazie delle news:)

    Un unico appunto, la trilogia che sta scrivendo Erikson e' la Kharkanas Trylogy, non le Jaghut Wars (tra l'altro gia' al secondo capitolo), o mi sono perso qualcosa?

    RispondiElimina
  2. Ciao Marco, grazie per essere passato da queste parti!

    La trilogia Kharkanas ha due storie principali: una riguarda i Tiste com'è lecito supporre dal titolo e l'altra i Jaghut. Alla fine di FoD c'è un chiaro riferimento al fatto che i Jaghut andranno in guerra e le successive dichiarazioni di Erikson fanno ben sperare sul fatto che seguiremo da vicino la vicenda. Per guerra intendo offensiva, non la difensiva messa in campo con il ghiaccio contro gli Imass. Qualcosa di epico insomma!

    RispondiElimina