24 apr 2016

Intervista all'Armenia Edizioni [Aprile 2016]



Grazie all'utente Pelleossa e ad altri appassionati frequentatori del forum, la community Malazica italiana è riuscita a intervistare la casa editrice Armenia, responsabile delle nuove edizioni dei romanzi di Steven Erikson. 

Ricordo che il nono romanzo Malazan, La Polvere dei Sogni dovrebbe uscire a Maggio 2016 con questa splendida copertina, quindi continuate a diffondere il Verbo Malazico e ad aiutare l'Armenia nell'impresa di finire la traduzione della serie!





Buongiorno, grazie innanzitutto per averci concesso questa mini-intervista, abbiamo preparato per voi 9 domande, abbiamo cercato di scriverle senza essere troppo invadenti o pressanti, ma se per voi ci fosse qualche problema a rispondere a qualche domanda, potete semplicemente saltarla.

FORUM: Come prima domanda, per rompere il ghiaccio, volevamo sapere: cosa vi ha spinto inizialmente a pubblicare in Italia "Il Libro Malazan dei Caduti"?
Dal nostro punto di vista, per quanto amiamo alla follia questa saga, considerando in generale il lettore medio di fantasy italiano è una saga ostica, che ti spinge a ragionare con la tua testa, che non ti prende per mano ma anzi richiede anche la fantasia del lettore per essere goduta appieno e in più scardina diversi punti fermi del fantasy che va di moda tra le masse. 
ARMENIA: Venne proposto al Dott. Armenia dal nostro direttore di collana di allora.

FORUM: La "nuova" Armenia ha puntato molto su questa saga. Fino ad ora siete soddisfatti della risposta del pubblico? In rete c'è un certo fermento e a noi sembra che i lettori siano in aumento, avete anche voi avuto queste sensazioni?
Nel caso in cui la risposta sia affermativa, quali saranno le conseguenze? Non tanto riguardo l'eventuale pubblicazione dei libri di Esslemont e della restante produzione di Erikson, quanto, piuttosto, per la politica dell'Armenia relativa al fantasy. Questa saga, se ha successo, lo deve unicamente ai suoi meriti, dato che non può contare su film o telefilm che la introducano al grande pubblico. Quindi l'eventuale successo di Malazan, dimostra che c'è spazio, nel mercato, per un fantasy di qualità?
ARMENIA: Si, soprattutto grazie al nuovo formato e copertine. Purtroppo funzionano molto bene il primo volume, il secondo e l'ottavo, ma quelli in mezzo vendono ancora poco rispetto alle aspettative. Per i libri di Esslemont aspettiamo di vedere come si muove la saga dopo la pubblicazione del nono e decimo volume.
 
FORUM: Il fantasy, nonostante negli ultimi anni ci sia stata una diffusione del genere per mezzo di film, serie tv, videogiochi e ovviamente libri, in Italia, ma anche all'estero, viene ancora visto come un genere di seconda categoria, non meritevole di considerazione. Qual'è la vostra opinione a riguardo ?
ARMENIA: Non abbiamo questa sensazione. Crediamo piuttosto che in Italia ci sia un mercato del libro differente in generale. Purtroppo di legge ancora poco e si segue il best-seller del momento.


FORUM: Secondo voi perché in Italia si cerca sempre il colpaccio del best seller e si punta cosi poco sui libri che vendono "nel tempo"?
Credo che il genere fantasy in questi tempi e tranne pochi casi appartenga a questa seconda categoria.
Se consideriamo alcune saghe fantasy molto famose come "Le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco" o anche "Il Signore degli Anelli" notiamo che in Italia il boom si è avuto dopo l'uscita di serie tv e film vari, specie per le Cronache, prima erano entrambe saghe poco conosciute che tiravano avanti col passaparola dei fans, un poco come "Il Libro Malazan dei Caduti" in questo momento, eppure nel tempo pensiamo che avrebbero ripagato gli investimenti, serie televisive o films a prescindere.
Secondo Voi non è una strategia di breve vita e un poco suicida il cercare di puntare sempre sul colpaccio e, magari cosi facendo, “perdere” nuovi autori di qualità e future vendite “nel tempo”?
Immagino che ogni editore abbia disponibilità e strategie diverse e forse questa non è una domanda che riguarda la vostra linea editoriale ma voi cosa ne pensate?
ARMENIA: I libri fantasy hanno prezzi molto alti, visto che le traduzioni sono costosissime. Per questo si cerca di trovare titoli che assicurino di rientrare nell'investimento, non possiamo permetterci di fare tentativi, soprattutto in un periodo in cui l'editoria vive una forte crisi. Con Malazan abbiamo fatto una scommessa, ma per il momento non abbiamo ancora recuperato i costi. Lo stiamo facendo per i fans e per mantenere viva una saga che merita spazio nella storia della letteratura fantasy. Le librerie sono piene di fantasy invenduti che tornano poi in resa alle case editrici. E' un mercato complesso e il problema principale è che la gente legge ancora poco.

FORUM: La saga Malazan è un progetto obiettivamente impegnativo, non è difficile immaginare che abbia presentato difficoltà ai traduttori, in particolare per i nomi propri, spesso intraducibili. Si è mai pensato a una "nota sulla traduzione" per chiarirli? O a note a pié di pagina per esplicitare giochi di parole altrimenti irrimediabilmente persi?
ARMENIA: Crediamo che i nostri lettori, che spesso leggono in lingua originale, si rendano conto del fatto che tradurre alcuni nomi avrebbe un effetto negativo, perchè appunto farebbero perdere il fascino del nome originale e la genialità dell'autore. I nostri lettori sono attentissimi!

FORUM: Coraggiosa e da ammirare la vostra scelta di pubblicare i volumi della saga come nella versione originaria, riunendo i libri precedentemente "spezzati" in due nella prima edizione italiana. Sarà una vostra politica costante? Un "messaggio virtuoso" per il mercato editoriale italiano?
ARMENIA: Si i prossimi usciranno in volume unico. E' un grosso sacrificio perchè le nostre tirature sono basse e i costi altissimi, ma sappiamo che apprezzate. 

FORUM: Sappiamo che in passato Erikson è venuto al Lucca Comics ed ha partecipato l'anno scorso in video-chiamata, che tipo di persona è dal "vivo"? Avete qualche aneddoto dai vostri incontri con lui da raccontarci?
ARMENIA: Per questo punto avremo forse delle belle novità, ma ne parleremo più avanti.

FORUM: Da ormai 6-7 anni c'è una fetta di lettori che si è convertita al formato ebook, pur tenendo conto delle molte persone che sono comunque affezionate al cartaceo ed ad avere il "volume fisico" (me compreso), quale sarà la vostra politica per le pubblicazioni future sul formato ebook?
ARMENIA: Il formato ebook è già disponibile sulle principali piattaforme.

FORUM: Ultima domanda per concludere, qual'è tra i primi 8 pubblicati il vostro volume preferito de "Il Libro Malazan dei Caduti"? E la vostra copertina preferita?
ARMENIA: Il primo. La copertina... quella del prossimo, il nono volume, spettacolare!



Nessun commento:

Posta un commento