31 dic 2017

Steven Erikson - The Lees of Laughter's End [7.5/10]


The Lees of Laughter's End [tLoLE] è la terza storia scritta da Steven Erikson facente parte della serie di racconti brevi di genere umoristico/grottesco dedicati a Bauchelain & Korbal Broach, così composta:

  1. Blood Follows (2002)
  2. The Healthy Dead (2004)
  3. The Lees of Laughter's End (2007)
  4. Crack'd Pot Trail (2009)
  5. The Wurms of Blearmouth (2012)
  6. The Fiends of Nightmaria (2016)

La serie, pur essendo ambientata nel mondo Malazan, è completamente slegata da tutti gli altri romanzi e può essere letta in modo indipendente. L'ordine di lettura consigliato è quello cronologico e non l'ordine di pubblicazione, quindi:
  1. Blood Follows
  2. The Lees of Laughter's End
  3. The Wurms of Blearmouth
  4. The Healthy Dead
  5. Crack'd Pot Trail
  6. The Fiends of Nightmaria

tLoLE è un ottimo racconto. 
Ammetto che alla prima lettura non mi aveva convinto del tutto, ma ciò era dovuto in gran parte al linguaggio utilizzato più difficile da interpretare rispetto alle altre storie Eriksoniane. Con la rilettura è migliorato in modo notevole. Quando diciamo che per apprezzare Erikson bisogna rileggerlo non è per farvi perdere tempo o perchè siamo fanboy ossessivi, ma visto il suo stile di scrittura, la complessità e la profondità delle sue opere se volete davvero capirlo dovrete armarvi di pazienza e rileggere. Il numero di riletture varia a seconda della complessità dell'opera: per tLoLE ad esempio basta una singola rilettura in quanto il racconto è breve e ci sono pochi personaggi. 

Quello che rende tLoLE speciale è l'ambientazione: l'intero racconto si svolge su una imbarcazione. Nel genere fantasy le ambientazioni navali sono molte rare e uno dei migliori a descriverle è Ian C. Esslemont. Però io sono un profano del mare  e delle navi, potrei far affondare anche la barchetta della canzone solo guardandola. Ecco spiegata una parte della difficoltà: i termini marinareschi non sono il mio forte e visto lo stile di scrittura di Erikson bisogna fare molta attenzione nel capire cosa succede e dove. Niente di grave, ma per cogliere tutto conviene rileggere se non siete madrelingua inglesi.

I personaggi sono in netto miglioramento rispetto a Blood Follows. Sia i tre protagonisti che il cast secondario sono molto più solidi e delineati. Korbal Broach fa venire i brividi e anche Bauchelain non scherza in tLoLE. Pur essendo racconti umoristici, questa volta qualche brivido me l'hanno fatto passare, merito anche di una scrittura più precisa e di uno stile evoluto rispetto a BF che era ancora più acerbo. 

Un'altra delle sorprese è il worldbuilding, perchè ci sono alcune interessanti aggiunte al canon Malazico che non credo si trovino altrove. 

In conclusione consiglio vivamente tLoLE. Il voto è basso perchè il racconto è breve, circa 100 pagine scritte con un carattere grande, ma è una lettura indispensabile per i fan hardcore di Malazan. Se vi piace lo humor di Erikson e il trio di protagonisti visti in Memorie di Ghiaccio, non potrà che piacervi anche tLoLE.

Nessun commento:

Posta un commento